Gita sui Ponti di Venezia

Che Venezia sia una città ricca di ponti è abbastanza palese, così come la loro funzione, dato che servivano e servono per potersi muovere da un sestriere all’altro, e d’altro canto i canali sono più di 150! Oggi però tali ponti non hanno più solo una funzione meramente pratica, ma sono anche dei veri gioielli di architettura e arte, degni di essere ammirati da tutti i turisti, e anche copiati. Sì, proprio copiati, come il Markusbrüke, una copia del Ponte di Rialto che si trova a Bramberga, in Germania, e sotto al quale si può passare in gondola sul fiume Regnitz. Questo non è che uno però dei ponti di Venezia copiati, ce ne sono anche in Cina, a Dubai e perfino nella sfavillante Las Vegas. Vediamo quali sono questi ponti di Venezia degni di così tanta ammirazione.

Il Ponte di Rialto è certamente tra i più conosciuti al mondo e certamente è il più antico tra i 4 che attraversano il famoso Canal Grande. Secondo le fonti, in antichità era un semplice ponte per barche, realizzato con tronchi e pali di legno il cui nome era, allora, Ponte della Moneta, poiché proprio nella sua estremità orientale era situata l’antica zecca. Nel corso dei secoli però l’importanza del mercato andò  modificare quello che era il traffico della zona, quindi il vecchio ponte fu sostituito da un ponte strutturale in legno e venne chiamato Ponte di Rialto, così come oggi.

Il ponte, così come possiamo vederlo adesso, fu realizzato da Andrea Da Ponte. L’architettura, ad arcata unica, era considerata molto fragile, sebbene fosse stato costruito in pietra. All’epoca erano in molti quelli che credevano che sarebbe crollato, ma sta ancora al suo posto!

Ponte dei Sospiri

Il Ponte dei Sospiri è un altro ponte molto famoso e visitato dai turisti di Venezia. Realizzato in stile barocco e con pietra d’Istria, questo ponte era utilizzato in passato come passaggio per condurre i condannati al carcere dalle Prigioni Nuove agli uffici inquisitori dove sarebbero poi stati definitivamente giudicati. Da qui nasce la leggenda del suo nome che non è dovuta, come erroneamente si pensa, a sospiri di romantici innamorati, ma a quelli dei condannati che transitavano, rassegnati sul ponte.

Ponte della Costituzione

Anche questo è un ponte molto conosciuto, sebbene più col nome di Calatrava che non come Ponte della Costituzione. Questo è un ponte piuttosto recente, risale al 2007 ed è stato progettato dall’ingegnere omonimo. A oggi è il 4° ponte di Venezia che attraversa il Canal Grande.

Ponte degli Scalzi

ponte scalziCostruito in ghisa nel 1858 sotto la dominazione degli Asburgo, consentiva l’accesso alla stazione dei treni. Oggi è più noto come Ponte della Stazione o della Ferrovia, ma non è lo stesso di allora, infatti fu ricostruito in pietra con una sola arcata in epoca fascista in modo da consentire il passaggio delle navi.

Ponte dei Pugni

Nome curioso dovuto al fatto che li si disputava la guerra dei pugni tra le due avverse fazioni dei nicolotti di San Nicolò dei Mendicolli e dei castellani di San Pietro, pare che se le suonassero di santa ragione da settembre fino a Natale. Vinceva la fazione che manteneva i suoi uomini sul ponte e non a bagno nel canale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *